Stretching muscolare assistito/capsulare

Stretching muscolare assistito

Lo stretching muscolare assistito, prevede  rispetto allo stretching tradizionale, l’assistenza da parte del rieducatore, che permette di ottenere un posizionamento ottimale del paziente. L’attenzione viene focalizzato con rapidità e precisione sulle sensazioni di rilassamento e di allungamento, che il paziente deve imparare a riconoscere e riprodurre da solo. Il rieducatore assiste assicurandosi che ne siano rispettati tutti i parametri e ricercare il livello massimo di allungamento possibile.

Stretching capsulare

E’ una tecnica che prevede l’allungamento della capsula articolare in tutti i suoi piani ed è utilizzata in particolar modo in presenza di un’ articolazione poco utilizzata che quindi perde elasticità fino ad irrigidirsi. Lo stretching capsulare stimola le ghiandole sinoviali a produrre il liquido lubrificante (sinovia), che ha il compito di facilitare lo scorrimento delle superfici articolari. L’esecuzione dello stretching capsulare prevede esercizi che tendono a diminuire la pressione intrarticolare e a facilitare la separazione delle superfici articolari. In genere lo stretching viene dapprima effettuato passivamente del rieducatore (stretching assistito), in un secondo tempo, il paziente impara ad eseguirlo da solo (stretching autoassistito).

Chiama ora!

Fisiolab la scelta giusta per il tuo benessere.

Per qualsiasi info o per fissare un'appuntamento

Chiama ora!